Intervista a Davide Brignone

Nello sci italiano ci sono delle situazioni un po' borderline dove giovani talentuosi si trovano ad essere "fuori" dalle varie situazioni "istituzionali" (vedi comitati etc.) ma i loro risultati non hanno nulla da invidiare rispetto quelli degli atleti che invece si trovano nelle calde braccia di gruppi sportivi e comitati.
Questi ragazzi si allenano a spese loro e combattono per portare avanti il loro sogno.
Uno di questi ragazzi è Davide Brignone.
In uno dei pochi week end di bel tempo di quest'estate abbiamo incontrato Davide in Deux Alpes.
Classe 1993, ci ha raccontato di essersi trovato fuori dal comitato per "sopraggiunti limiti di età" ma, dopo un anno di vita da "persona normale" e non da atleta, ha deciso di riprovarci.
A volte bisogna staccare la spina e guardarsi intorno per decidere cosa si vuole fare.
Così ha fatto Davide: si è fermato, si è guardato indietro ed avanti ed ha deciso di riprovarci.
Sarà stata la pausa di un anno, sarà stato il tempo passato seduto a studiare, ma i sui guai fisici che lo flagellavano da anni se ne sono andati ed è rientrato "a bomba" nelle classifiche dello sci italiano e non solo.
Se qualcuno pensa che i "giovani d'oggi" siano ombrosi e sfaccendati dovrà ricredersene: Davide è un ragazzo solare e positivo che non si lascia intimorire dalle difficoltà.
Davide ti auguriamo il meglio nel tuo futuro e auguriamo allo sci italiano di essere abbastanza lungimirante da tenere un posto per te in squadra!

Top

sciitalia utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare pubblicità e per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più nella pagina dedicata alla Cookie Policy. Chiudendo questo banner o continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie.